Capitale sociale e individualismo, Robert Putnam, Il Mulino 2004

L’autore, uno dei maggiori scienziati sociali, propone una ricerca-riflessione sui mutamenti in atto nella società contemporanea. E lo fa traendo spunto da un fenomeno apparentemente insignificante: un tempo gli americani andavano a giocare a bowling in compagnia, dopo il lavoro. Ora non più. L’interesse pricipale dello studioso è indagare sullo stato di salute della risorsa alla base della coesione sociale, il capitale sociale. Avvalendosi di una notevole quantità di dati Putnam ricostruisce il modo in cui gli individui si sono “separati” dalle strutture “coesive” della famiglia, degli amici e del vicinato e i modi in cui questa frattura può essere risanata. (da ibs.it)