Premio “Bologna città civile e bella”

logo premio bologna città civile e bella

Hera, il Resto del Carlino, la Fondazione del Monte e il Centro Antartide, con il patrocinio del Comune e della Provincia di Bologna, promuovono il Premio “Bologna città civile e bella”,  assegnato a singoli cittadini e soggetti organizzati (comitati, associazioni, parrocchie, ecc.) che si siano distinti nel campo delle virtù civiche contribuendo a rendere più ricca di umanità la nostra comunità, prendendosi cura dei luoghi al fine di renderli più belli e disponibili a una fruizione pubblica, tutelando i beni comuni e l’ambiente.

L’attenzione è rivolta ai “piccoli mondi” soprattutto per far emergere storie che potrebbero essere replicate da altri.

Il Premio si propone come occasione per raccontare in positivo la comunità bolognese e i suoi protagonisti. Un omaggio a chi dona la propria sensibilità, le proprie risorse, generosità e tempo, la propria competenza per rendere la città più vivibile, civile e bella. Un’occasione per riunire e far incontrare le tante realtà virtuose presenti in città.

Il Premio vuole sottolineare il legame esistente tra le persone e l’ambiente sociale e fisico in cui vivono. La partecipazione dei soggetti organizzati è quindi limitata a quelli che sono una diretta espressione del territorio e che trovano la propria ragione sociale nell’azione diretta e prioritaria su quel territorio escludendo quindi le realtà strutturate a livello nazionale o internazionale.

Sono ammessi al premio i progetti il cui effetto utile per la città deve essere autonomamente apprezzabile e rilevante rispetto a utilità e interessi del singolo privato.

Sezioni

Il Premio osserva il tema dell’impegno a favore della collettività da due punti di vista diversi e complementari, corrispondenti ad altrettante sezioni:

  • le azioni nei confronti delle persone
  • la cura di luoghi

I riconoscimenti sono due per sezione. Uno dedicato ai singoli cittadini e l’altro ai gruppi organizzati.