Un manifesto per la città civile

manifesto

manifesto In tanti, scuole, istituzioni, aziende, associazioni per rilanciare il senso civico in città

In situazioni di emergenza, lo si è visto anche nei giorni della nevicata, è il senso di comunità che può fare la differenza. Le emergenze portano alla luce lo stato di salute di una comunità ed amplificano quello che abita la città ogni giorno: solidarietà o indifferenza, responsabilità o incoscienza, senso di appartenenza o estraneità, gentilezza o maleducazione. Tante risorse che fanno la ricchezza (o la povertà) della città alla pari di quelle economiche.
Proprio a partire da queste convinzioni è nato il “Manifesto per la città civile” a cui hanno già aderito cento scuole, istituzioni, aziende ed associazioni. Mondi diversi, mondi grandi e piccoli uniti dall’obiettivo di coltivare quella preziosissima risorsa che è il capitale sociale.
Il “manifesto” propone principi generali e specifici che sono l’anima di una città che si distingue per la sua civiltà. “La città civile è il rispetto delle persone, è la giusta considerazione per le regole,; è il senso di responsabilità, è ringraziare, chiedere scusa o dire ‘per favore’. La città civile” si legge sempre sul manifesto “è la coscienza dei diritti ma anche dei doveri, il senso di comunità”. E ancora, “vedere se stessi negli altri, dare il buon esempio, cedere il posto sull’autobus a chi ne ha bisogno, amare il proprio cane senza sporcare la città, prendersi cura dei luoghi in cui viviamo, partecipare”. Il manifesto si conclude con l’invito a “sentirsi custodi e non padroni del mondo”.
Saranno diffuse in città migliaia di locandine con il testo accompagnato da una illustrazione disegnata da Mojmir Jezek: un cuore che racchiude l’inconfondibile profilo di Bologna. 1.000 copie viaggiano sui bus e sono affisse nelle pensiline dell’Atc.
Il manifesto è promosso in vista dei lavori di ideazione di un vero e proprio piano comunale per il senso civico che coinvolgerà tutta la città nell’ambito del Piano Strategico Metropolitano.

L’iniziativa è stata realizzata con il contributo della Regione Emilia-Romagna-Bando Infea.

Scarica il manifesto

Elenco adesioni già pervenute

Regione Emilia-Romagna
Centro Europe Direct – Assemblea legislativa Regione Emilia-Romagna
Provincia di Bologna
Comune di Bologna
Prefettura di Bologna
Alma Mater Studiorum-Università di Bologna
Quartiere Borgo PanigaleQuartiere Navile
Quartiere Porto
Quartiere San Donato
Quartiere San Vitale
Quartiere Santo Stefano
Quartiere Saragozza
Quartiere Savena
Istituzione Biblioteche Comune di Bologna

Leggi tutto “Un manifesto per la città civile”