Testimoni di Gentilezza

Da Renzo Arbore a Licia Colò, da Massimo Gramellini a Piero Angela: i grandi volti dello spettacolo e della cultura si uniscono a Bologna per invitare alla cortesia nei luoghi di cura. E’ stata inaugurata martedì 1 dicembre alle ore 15.00 presso la Quadreria ASP di via Marsala 7 a Bologna la mostra Testimoni di Gentilezza, che ha raccolto fino all’8 dicembre 2015 i messaggi di decine di testimonial, collocati poi nelle strutture sanitarie e socio-sanitarie bolognesi.
Ambulatori, ospedali, ma anche luoghi di degenza, case di riposo: sono spazi dove tutti ci sentiamo più fragili e abbiamo quindi bisogno di particolare considerazione dei nostri bisogni e attenzione. Un’attenzione legata non tanto all’assistenza medica, aiutata ora più che mail dalle grandi conquiste tecnico-scientifiche, ma per la quale spesso è sufficiente una parola gentile, un sorriso, un gesto cortese e umano. È proprio su questa accezione di umanizzazione della medicina che insiste la mostra “Testimoni di Gentilezza”, con la quale tanti personaggi del mondo della cultura, dello sport, dello spettacolo e dell’impegno sociale di Bologna e di tutta Italia vogliono ricordarci proprio l’importanza della dimensione umana, a partire dai luoghi di cura, ma in generale in tutti i rapporti con gli altri.

La mostra, che è stata allestita presso la Quadreria ASP di via Marsala 7 a Bologna è stata inaugurata dal Sindaco di Bologna Virginio Merola, protagonista anche di una delle opere: durante l’intervento introduttivo ha ricordato che “La spinta gentile, in città, non manca affatto: queste ed altre iniziative aiutano a diffondere questo tipo di atteggiamenti, moltiplicando tanti ‘sorrisi sospesi’ in città, che attendono solo di essere goduti, migliorando il clima cittadino”. Insieme a lui l’Amministratore unico di ASP Gianluca Borghi, il Direttore della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna che sostiene il progetto Enrico Ratti e il Direttore del Centro Antartide, promotore dell’iniziativa, Vittorio Beccari hanno raccontato il loro impegno su questi temi anche alla presenza di alcuni dei testimonial coinvolti (da Malandrino e Veronica a Marco Bolognesi, da Fanny Cappello a Carla Faralli). La cerimonia è stata accompagnata da suggestive letture di brani sul tema della gentilezza nei luoghi di cura,  svolte dal Gruppo Legg’io.
Tantissimi i testimonial che hanno voluto lasciare il loro messaggio: Piero Angela, Renzo Arbore, Silvia Avallone, Alessandro Bergonzoni, Enzo Bianchi, Marco Bolognesi, Fabio Bonifacci, Pino Cacucci, Luisa Cesari, Donata Govoni, Daniela Spampani, Luciana Castellari, Fanny Cappello, Gianrico Carofiglio, Licia Colò, Giorgio Comaschi, Giorgio Dal Fiume, Ilvo Diamanti, Giorgio Diritti, Carla Faralli, Gianluca Farinelli, Marcello Fois, Marina Forni, Paolo Fresu, Vittorio Giardino, Massimo Gramellini, Elisabetta Gualmini, Igort, Carlo Lucarelli, Loriano Macchiavelli, Malandrino e Veronica, Dacia Maraini, Michela Marzano, Virginio Merola, Nino Migliori, Andrea Mingardi, Gianluca Morozzi, Don Nicolini, Eugenio Riccomini, Giampiero Rigosi, Patrizio Rispo, Giulia Cavalli, Patrizio Roversi, Andrea Segrè, Valerio Varesi, Grazia Verasani, Vito, Wolfango, Stefano Zamagni, Cristina Zavalloni. Le opere con i loro volti e le loro frasi, dopo l’esposizione nella mostra sono state diffuse nelle strutture ospedaliere, ambulatoriali, sanitarie e socio sanitarie di ASP Città di Bologna e AUSL Bologna, proprio per invitare in maniera insolita utenti e personale medico alla gentilezza nei rapporti quotidiani.
La mostra,  aperta tutti i giorni fino all’8 dicembre dalle 9.00 alle 17.00, è stata anche l’occasione per visitare la bellissima Quadreria di ASP che contiene centinaia di opere normalmente non accessibili al pubblico e che tornerà accessibile solo nel 2016 grazie a un progetto di ASP che ne permetterà l’apertura due volte a settimana.
Il progetto “Testimoni di Gentilezza” è promosso dal Centro Antartide di Bologna con il contributo della Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna e la collaborazione di ASP Città di Bologna e della Azienda USL Bologna. Le attività sull’umanizzazione dei luoghi di cura svolte nel contesto dell’iniziativa si trovano su www.humanecure.it .

Scarica la mostra in PDF

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *